Tiziana

TizChicco Tondo sono io, Tiziana Padovan, cuoca e terapista macrobiotica, diplomata presso la scuola di cucina naturale “La Sana Gola” di Milano.

Nata nel 1975, ho iniziato molto giovane ad interessarmi alla cura e benessere altrui, lavorando per quasi vent’anni come educatrice e frequentando la facoltà di Scienze dell’Educazione presso l’Università degli Studi di Milano.

Uno dei preziosi insegnamenti appresi durante questo percorso è che il benessere si costruisce giorno per giorno, nelle cose più piccole e semplici, per noi e per chi verrà.

Grazie anche a questa consapevolezza, ho conosciuto ed utilizzato svariate forme di medicina naturale: omeopatia, fitoterapia, bioenergetica, shiatsu ecc.; ho cercato di vivere ogni giorno in maniera ecosostenibile e solidale, in equilibrio con la natura; ho praticato discipline corporee, come la danza, che mi facessero sentire libera e parte di un movimento unico.

Ed è con questo spirito che nel tempo mi sono avvicinata ai fornelli di casa: ho realizzato che -come diceva il filosofo Feuerbach- siamo quello che mangiamo ed ho conosciuto e sperimentato il grande potere terapeutico del cibo.
La nascita di mia figlia Nina ha poi dato un impulso ulteriore alle mie ricerche di uno stile alimentare più sano. Le risposte le ho trovate nella cucina naturale e, più in grande, nella filosofia macrobiotica.

Continuando a seguire la mia naturale tensione alla cura dell’altro, ho aggiunto un ulteriore pezzo al mio bagaglio, decidendo di diventare cuoca e terapista alimentare, arricchendo così l’educatrice di nuovi saperi/sapori e possibilità.

Dopo il diploma ho unito passioni, insegnamenti ed esperienze alle mie competenze di cuoca/terapista ed educatrice ed ho iniziato ad organizzare corsi di cucina, incontri, laboratori e consulenze.
Il mio obiettivo è di diffondere un’idea ed una pratica di sana educazione alimentare e di poter aiutare le persone che si rivolgono a me nella risoluzione di svariati problemi di salute.

 

polaroid

 

IO, IN POCHE PAROLE

Nata nel 1975, cresciuta in un paese in provincia di Milano, ho flirtato per qualche anno (12) con the big city, poi ho fatto i bagagli e con la mia nuova famiglia sono tornata a casa, tra prati, boschi, cani e gatti.

Una nonna cuoca, dal tortellino facile, che faceva proprio tutto da sé in cucina. E lo faceva con il cuore, per tutti noi.
Una mamma che ci ha fatto amare i gusti semplici e non ci ha mai dato una merendina confezionata.

Pasta con i pomodorini: la mia prima volta in cucina. E la seconda, terza, quarta…

Food blogger atipica: dopo ore passate a cucinare, mi siedo e mangio. Solo a fine pasto mi ricordo che una foto la potevo fare.

Amo il colore verde, i gatti, soprattutto neri, i cani col naso rosa, gli occhi color del bosco e del mare.

Non sopporto il caldo, le zanzare e la sauna.

Adoro il porro, il riso integrale e le lenticchie verdi.

Pantaloni larghi, scarpe basse e maglia nera. Perché non sopporto fare shopping, ma spenderei un capitale in trapani, avvitatori, elettrodomestici, piatti, tazze e utensili da cucina.

Ho lasciato un pezzo di cuore tra Puglia e Sardegna, ma sogno di vivere tra Berlino e il Mare del Nord.

Credo nelle forze della Natura e sono convinta che prima o poi tutto torna. Anche i conti.

Ho abbandonato l’idea della matematica, perché proprio i numeri non li capisco, mi piacciono le parole, scritte e raccontate. Da Giustina e dal nonno Arturo.

Non ho rimorsi né rimpianti, faccio autocritica in segreto. Non vedo l’ora di vivere ciò che mi aspetta domani: ho festeggiato felice i miei quarant’anni, pensando al viaggio per i miei 50!

Penso che quando una persona muore, può trasformarsi in quello che vuole, anche nella magia di un sogno.