BLOG, CONSIGLI, RICETTE
Leave a comment

Light Quinoa

IMG_3358

La quinoa è una pianta erbacea della stessa famiglia della barbabietola.

Nonostante non appartenga al gruppo bontanico delle graminacee, per le sue caratteristiche nutritive è ad esse assimilabile e viene quindi considerata come uno pseudo-cereale.

La quinoa ha un alto contenuto proteico ed è priva di glutine, perciò questa preparazione è indicata anche per chi è celiaco o per chi vuole cucinare un piatto fresco e alternativo, senza glutine, ma anche per chi, tra i super sportivi, ha bisogno di reintegrare una certa dose di proteine dopo o prima di un duro allenamento!

È ricchissima di “betaina”, una sostanza disintossicante per il fegato: questa sua caratteristica la rende particolarmente interessante per il nostro percorso di depurazione primaverile.

Unita poi al potere depurante di foglie verdi e funghi shitake, ne risulta alla fine un piatto leggero che ci aiuta ad eliminare i vecchi accumuli di grasso. In una parola: light!

Ho scoperto poi una particolarità di questa pianta: quando parlo di quinoa sottolineo sempre l’importanza di sciacquarla molto bene sotto un getto di acqua corrente, al fine di eliminare una sostanza amarissima che ne ricopre il seme.

Beh, questa sostanza così sgradevole in natura ha la funzione di limitare la ruberia eccessiva dei semi tra gli uccelli, quindi per garantire la continua perpetrazione della specie!

Fantastica Natura!
Light Quinoa

1 tazzina da caffè di quinoa ben sciacquata
1 tazzina e 3/4 di acqua
1 piccola cipolla tagliata sottilmente a mezzaluna
1 carota tagliata a listarelle sottili
Qualche foglia verde tagliata a striscioline
Un fungo shitake ammollata per almeno 30 minuti
Olio evo un goccio
Sale marino integrale qb

Cucinare la quinoa per assorbimento (ci vorranno 10/15 minuti) con l’acqua indicata è un pizzico di sale.

Scaldare un goccio di olio in padella e inserire prima la cipolla, sfumandola con un poco di acqua e con l’aggiunta di qualche granello di sale, poi inserire il fungo tagliato a striscioline sottili.
Cuocere per 10/15 minuti, stufando con un po’ di acqua, successivamente inserire le carote e le foglie, qualche granello di sale e saltare per un minuto.

Spegnare il fuoco e unire la quinoa amalgamando il tutto con un cucchiaio di legno.

Se fosse necessario salare un poco ancora è possibile unire qualche goccio di salsa di soia quando il composto è ancora caldo.

Lasciare intiepidire e poi servire, buonissimo anche a temperatura ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *