• Il Ramen macrobiotico

    Il ramen è un piatto tipico della tradizione orientale, impossibile individuare se di nascita cinese o nipponica ma certo è che ogni zona del Giappone ha una sua ricetta differente dalle altre, quindi, mi sono detta, perché non creare una mia versione tutta macrobiotica?

    Il ramen classico prevede l’utilizzo di carne di maiale e uova, ingredienti che io non uso, quindi ho sperimentato una soluzione tutta vegetale e devo dire che il risultato è stato eccezionale!

    Io ho inserito anche i funghi shitake, utili soprattuto in questo periodo di disintossicazione, in quanto sciolgono i vecchi accumuli.

    Un po’ di shoyu e miso a fine cottura per rendere la zuppa ancora più saporita e utile al nostro corpo!

    RAMEN
    Ricetta per 3/4 persone

    2 carote tagliate a listarelle lunghe 3/4 cm circa
    1 costa di sedano tagliata a listarelle come le carote
    1 cipolla grande tagliata a pezzi abbastanza grandi
    2/3 foglie di cavolo nero tagliate a pezzi
    3 asparagi tagliati a metà
    2 foglie di cavolo cinese tagliate a pezzi
    3 cipollotti tagliati a rondelle (anche la parte verde, finché rimane abbastanza morbida)
    6 funghi shitake tagliati a pezzi ( se sono secchi vanno ammollati finché non si ammorbidiscono)
    50 gr di spaghetti di riso a testa
    Acqua qb
    Olio 2 cucchiai
    Sale qualche granello

    Fare scaldare 2 cucchiai di olio in pentola, rosolare la cipolla, aggiungere qualche granello di sale e sfumare con un po’ di acqua.

    Aggiungere la carota e mescolare, il sedano e mescolare, il cavolo nero e mescolare.

    Aggiungere acqua in abbondanza e fare cuocere per 30 minuti circa.

    10 minuti circa prima della fine della cottura inserire gli asparagi e qualche minuto dopo, aggiungere il cavolo cinese e un cucchiaio di shoyu.

    Nel frattempo rosolare il cipollotto in un poco di olio in una padella e inserire i funghi con qualche granello di sale. Cuocere per 10 minuti circa o fino a cottura ultimata.

    Portare a bollore l’acqua per la cottura degli spaghetti e cuocerli per il tempo necessario.
    Pochi minuti prima di scolare la pasta, comporre le ciotole, aggiungendo in ognuna una porzione di funghi e cipollotto e un cucchiaino di miso (sempre uno in ogni ciotola).

    Quando gli spaghetti sono pronti, aggiungerli nella giusta quantità ad ogni ciotola e servire.

  • Ratatouille Macrobiotica Sciogligrassi

    Anche se non sembra, la primavera sta arrivando! Nonostante il freddo che persiste, le giornate si sono allungate, gli uccellini tornano a cinguettare alti nel cielo, i boccioli si gonfiano e si preparano a incantarci con la loro bellezza. Esattamente come succede ogni anno a questo punto.

    Tutta la natura si sta risvegliando e con essa anche il nostro corpo ha bisogno di nuovo vigore, di sgranchirsi dopo una maggiore lentezza invernale e di depurarsi dagli eccessi accumulati durante la stagione fredda.

    Cellulite, chili in più, rigidità muscolare, gonfiori, pelle opaca, problemi alla gola, sonno disturbato, male alla testa ricorrente: sono tutti problematiche che possono sorgere quando il fegato è intasato e fa fatica a metabolizzare grassi ed eccessi in generale.

    Per fortuna la natura e la macrobiotica ci possono dare una grande mano a disintossicarci, depurarci, sostenendo e dando una sferzata al fegato affinché riprenda le sue funzioni!

    E questa è proprio la stagione giusta per avviare una sana depurazione.

    Nella ricetta che vi propongo oggi ci sono proprio tutti gli elementi che aiutano il fegato:

    CAROTE E DAIKON (o ravanello) che portano un effetto sciogli grassi in profondità, così da agire anche sul grasso viscerale.
    VERZA che come tutte le foglie versi aiutano il corpo ad aprirsi e disintossicarsi
    ACIDULATO DI UMEBOSHI per stimolare ancora di più la funzionalità del fegato
    FUNGHI SHITAKE con la loro azione diuretica sciolgono grassi e vecchi accumuli. Attenzione per chi soffre di pressione bassa poiché sono decisamente diuretici.
    RATATOUILLE MACROBIOTICA SCIOGLIGRASSI

    2 carote
    1 cipolla grande
    2/3 ravanelli o 1 daikon non troppo grande
    1 pezzetto di verza (stesso volume di carota e cipolla)
    1 fungo shitake
    Olio evo qb
    Sale marino integrale qb
    Acidulato di umeboshi

    Mettere in ammollo il fungo per 10 minuti o finché diventa morbido, poi tagliarlo a striscioline sottili.
    Nel frattempo tagliare tutte le verdure a dadini, la verza in pezzetti.
    Scaldare un cucchiaio di olio in padella e fare rosolare la cipolla aggiungendo qualche granello di sale e sfumando poco dopo con un goccio di acqua. Quando il liquido sarà evaporato, aggiungere prima la carota, poi i ravanelli, la verza e un pizzico di sale. Mescolare brevemente e inserire il fungo. Fare cuocere per una decina di minuti circa, a fuoco lento, avendo premura di aggiungere dell’acqua o brodo in caso si asciugasse troppo.
    Spegnere e inserire qualche goccia di acidulato (poco perché è molto salato!) prima di servire!

  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi