BAMBINI, BLOG, CONSIGLI
Leave a comment

Se il bambino è raffreddato: rimedi macrobiotici

bambino con il reffreddore

Naso chiuso, tosse, difficoltà respiratorie, sono sintomi molto fastidiosi anche per noi adulti. E quando ad essere raffreddati sono i nostri piccoli? Può diventare un calvario, anche notturno.

Ma anche in questo caso la macrobiotica ci viene in aiuto, usando l’alimentazione come terapia naturale in caso di raffreddamento e, dato che a tavola ci sediamo tutti giorni, vale la pena iniziare proprio da qui.

Innanzitutto per me rimane sempre valido il motto “prevenire è meglio che curare”, quindi quando inizia la stagione dei raffreddori e delle influenze, quando a scuola i bimbi iniziano ad ammalarsi uno via l’altro, ecco che scatta il “piano prevenzione”.

Partiamo quindi con alcuni suggerimenti validi sia a scopo preventivo, che attuabili anche in presenza del sintomo.
Come gran parte dei rimedi naturali, anche la terapia macrobiotica non cura semplicemente il sintomo, ma risale direttamente alla causa.
Ecco perché in caso di irritazione delle mucose o per sostenere adeguatamente il sistema immunitario, è necessario avere un intestino efficiente e in forma. Quindi risulta molto utile equipaggiarlo di fermenti di ottima qualità, quali quelli che troviamo nella salamoia e (per i bimbi più grandi) nel miso. (Prestate sempre attenzione al fatto che i prodotti fermentati non siano pastorizzati, processo tramite il quale la maggior parte dei fermenti muore).

Possiamo condire la pasta con delle olive in salamoia o farcire un panino con alcuni crauti, preparare qualche insalatino (qui trovate come fare), o una buona zuppa di miso (cos’è il miso? Clicca qui). Attenzione però a non inserire questi alimenti in cottura: morirebbero i fermenti, perdendo così tutti i benefici.

Per rinforzare i polmoni invece usiamo le radici e tutti i tipi di cavoli. Perfetti quindi sedano rapa, pastinaca, daikon, carota, barbabietola, rapa, curcuma, cavolfiore, cavolo cappuccio, cavoletti di bruxelles…

Tra i cereali prediligere il riso, che rinforza l’apparato polmonare.

Un ulteriore consiglio per rinforzare le difese e guarire più velocemente consiste nel frizionare la pelle con un panno inumidito con acqua calda. Dedicarsi soprattutto a frizionare mani, piedi, testa, petto e schiena. Una pelle libera di respirare e di eliminare gli eccessi o le sostanze dannose, costituisce un presupposto molto importante per mantenersi in salute.

Veniamo dunque ai “no”. Prima però è il caso di fare una precisazione: questi consigli sono utili in generale, per mantenere una buona salute secondo i principi macrobiotici, applicabili tutti i giorni e sempre validi. Ma chi è abituato a mangiare frutta e verdura cruda anche in inverno o vuole mantenere certe abitudini, può ricorrere a questi suggerimenti anche solo in caso di malanno conclamato, per poi tornare alle proprie abitudini.
Sperimentare nuove forme di salute, anche per poco tempo, è comunque un passo avanti verso una nuova conoscenza. Sapere è importante per potere scegliere.

Torniamo quindi ai nostri “no”: cosa non fare.

No alla dieta pesante. Prediligere una dieta leggera con poco olio e non crudo ma solo inserito in cottura. L’olio crudo infatti ha la particolarità di raffreddare il corpo e creare muco.

Per lo stesso motivo evitare gli alimenti crudi in generale: preferire verdure cotte, soprattutto quelle più dolci, frutta cotta ed evitare i succhi di frutta.

No agli alimenti di origine tropicale. Quindi niente banana, ananas, cioccolato…

Niente zuccheri raffinati che intasano e indeboliscono il corpo. Sostituire se necessario con il malto di riso, utile anche in caso di tosse secca.

Eliminare i prodotti da forno: anche questi indeboliscono e creano muco.

No a latte e latticini per le numerose controindicazioni ormai note, in aggiunta al fatto che aumentano la produzione di muco.
In caso di bimbi latte dipendenti, nel momento del sintomo acuto, sospendere per qualche giorno l’assunzione di latte e derivati, provando a sostituire con bevande vegetali (soprattutto di riso). La diminuzione di muco e infiammazione sarà notevole.

In ultimo, vorrei sottolineare come in questo articolo ho preferito concentrare l’attenzione sui rimedi per i bimbi in caso di raffreddamento, ma questi consigli sono validi per chiunque, adulto o bambino che sia; sono norme di buona salute e di cura, tramite una sana alimentazione di tipo naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *